Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Medicina in Francia: una valida alternativa

July 28, 2015
By

La Francia può vantarsi di classificarsi tra i primi paesi in cui si concentrano numerose università prestigiose, sia per quanto riguarda gli studi umanistici, sia per quanto concerne la ricerca scientifica. Basti pensare a strutture quali La Sorbonne, L’Ecole Polytechnique o l’Université Pierre et Marie Curie.

Gli studenti italiani che abbandonano le loro origini per trasferirsi in Francia sono numerosi, sebbene sia necessaria una buona conoscenza della lingua (generalmente è richiesto il livello B2). Soprattutto per quanto riguarda la facoltà di Medicina, coloro che vogliono sfuggire al temibile test d’ingresso vedono nelle università francesi una buona alternativa. Se in Italia le statisiche ci dicono che la percentuale di studenti che riescono ad accedere alla facoltà di medicina è di 1/8, in Francia si alza a 1/5. Vediamo di spiegare il perché.

Innanzitutto le modalità di selezione, pur trattandosi sempre di facoltà a numero chiuso, sono differenti: in Francia non sono previsti test di ammissione, in quanto viene effettuato un concorso nel corso dell’intero primo anno. Questo si divide in due parti, ciascuna delle quali prevede due differenti esami: uno alla fine del primo semestre (verso dicembre/gennaio), l’altro alla fine del secondo semestre (verso maggio). È possibile ripetere il primo anno una sola volta. Se anche la seconda volta si va incontro a fallimento, si è costretti ad abbandonare.

Per quanto riguarda la scelta della facoltà e le iscrizioni vi sono alcune regioni che danno la precedenza ai residenti nelle aree circostanti (vedi Nizza, Parigi o Montpellier) e richiedono una particolare procedura, che può essere reperita nei rispettivi siti ufficiali; mentre in altre università quali Aix-Marseille o Toulon, è sufficiente seguire il regolare iter, che prevede una registrazione online tra il 20 gennaio e il 20 marzo dell’anno precedente all’anno accademico. È comunque sempre richiesto un diploma di scuola superiore o titolo equivalente.

 

Tags: , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *